Una lacrima sul viso

Ho immaginato la sua morte. Ho immaginato la sua morte e l’ho fatto per proteggermi da essa, come quando fuori piove e miri affannosamente le previsioni del meteo, pregando l’omino in divisa, illudendosi che quelle, in fondo, sono solo lacrime del cielo. Che poi è il gesto più naturale che esista: lasciare, andare, chiudere; la … Continua a leggere

ma ‘ndo volete anna’!

Sono stanco. Non ne posso più di questa città. Non vedo l’ora di andarmene per sempre. E giuro che farò di tutto pur di non tornarci più, se non in vacanza. O per brevi impegni. Roma mi soffoca. Anzi, non è soffocamento quello che provo,  più un senso di esaurimento. Non il mio, il suo. … Continua a leggere

La Provvidenza è affondata.

Ho letto un articolo di Luca Sofri. Ovviamente non sono minimamente interessato alle diatribe calcistiche; guardo le partite della Nazionale agli europei perché considero lo sport un ottimo passatempo, se preso in piccole dosi e senza che sia un’ossessione. Ma l’articolo di cui sopra mi ha fatto riflettere sull’italianità. Noi Italiani abbiamo quella strana attitudine … Continua a leggere

Sogno un mondo senza la festa della donna

Ci siamo appena liberati degli ultimi strascichi di San Valentino, oltrepassando indenni scatole di cioccolatini, cuscini a forma di cuore, palloncini rossi e orsacchiotti insignificanti, come un esploratore armato di machete attraversa una foresta di mangrovie e piante carnivore. Abbiamo altresì superato il tunnel delle maschere di carnevale, evento ormai trasformatosi nella ghiotta occasione per … Continua a leggere

Il maschio del lunedì

Io ci provo a riscattare il sesso maschile. Ci provo a dimostrare alle donne del “siete tutti uguali” che hanno torto, che non è vero, che al mondo ci sono anche uomini per niente interessati al calcio, al pomeriggio al bar, alla serata rutto libero solo con gli amici maschi. Non lo faccio perché mi … Continua a leggere

  • per contattarci

    questiulivi@gmail.com